A come…

Acqua, ciclo dell’

O ciclo idrologico. Serie di trasformazioni dell’acqua contenuta negli strati superficiali del terreno e nell’atmosfera. L’evaporazione dei mari e dei corsi d’acqua produce vapore che, condensando, forma le nubi, dalle quali l’acqua precipita sulla Terra sotto forma di pioggia, di grandine o di neve. Qui l’acqua resta in superficie alimentando torrenti e fiumi che la riconducono al mare, o s’infiltra nel sottosuolo arricchendo le falde acquifere che possono affiorare dando origine a sorgenti oppure giungere direttamente al mare con un percorso sotterraneo.

Acqua alta

Condizione delle alte maree sigiziali, cioè quelle di maggiore entità. L’acqua alta invade le piazze di Venezia e raggiunge i livelli massimi con venti da est.

Acquazzone

Improvviso rovescio di pioggia, violento ma breve, spesso di natura temporalesca.

Adiabatico

Riferito a ciò che è impermeabile al calore, che si oppone alla sua trasformazione. Nell’aria libera, al di sopra dei 3000 metri, l’assorbimento e le perdite di calore per irraggiamento sono molto ridotte perché l’aria è una cattiva conduttrice. Le variazioni di temperatura sono perciò praticamente adiabatiche, cioè hanno origine dai movimenti ascendenti e discendenti dell’aria senza che avvenga scambio di calore con le masse aree circostanti.

Aerologia

Scienza che studia gli strati superiori dell’atmosfera (oltre i 3000 metri), i quali non sono per lo più influenzati dall’azione dei rilievi montuosi.

Aeronomia

Scienza che studia le regioni più remote dell’atmosfera (85-650 km), dove avvengono in massima parte i fenomeni di dissociazione e di ionizzazione delle particelle (termosfera).

Aerostatica

Disciplina che studia le leggi che regolano l’equilibrio dell’aria e dei fluidi aeriformi allo stato di quiete.

Afelio

Punto di massima distanza dal Sole di un pianeta. La Terra passa per l’afelio della sua orbita ai primi di luglio.

Africo

Vento da sud-ovest, come il libeccio.

Agenzia Spaziale Europea

Vedi ESA.

Airglow

Termine inglese usato per indicare una luminescenza del cielo molto debole ma presente ovunque, prodotta dall’emissione di fotoni, a quote generalmente comprese fra 80 e 120 km, per reazioni fotochimiche.

Alba

Luminosità prodotta nell’alta atmosfera dai raggi solari, prima del sorgere del sole sull’orizzonte di una località.

Albedo

Rapporto, espresso in centesimi, tra l’energia riflessa o diffusa da un corpo e l’energia incidente.

Aliseo

Vento costante proveniente da est, che spira durante tutto l’anno nei settori orientali dell’Atlantico e del Pacifico, tra il 30° lat. N e il 30° lat. S.

Alito di vento

Vento leggero, con velocità 1-2 m/s.

Alone

Cerchio luminoso che sembra circondare il Sole e la Luna, prodotto dalla rifrazione della luce attraverso piccoli cristalli di ghiaccio in sospensione nell’atmosfera o costituenti gli strati dei cirri più alti.

Altocumulo

Nube media (tra 2000 e 4000 m.) a forma di ciottolo e disposta in gruppi detti “a pecorelle”.

Altostrato

Nube media (tra 4000 e 6000 m.) a forma di velo fibroso, di colore grigiastro. È più brillante in direzione del Sole e della Luna, che appaiono come attraverso un vetro smerigliato.

Anabatico, vento

Vento che possiede una componente ascendente, come per es. L’aria che sale lungo un versante molto soleggiato.

Anafronte

Superficie frontale dove l’aria attiva è più veloce di quella passiva. Nell’anafronte freddo, il brusco sollevamento dell’aria calda che precede determina forti acquazzoni.

Anemografo

Strumento registratore del vento.

Anemometro

Apparecchio usato per la misura della velocità del vento.

Anemoscopio

Nome scientifico della banderuola, che indica solo la direzione del vento e non la sua velocità.

Aneroide

Si dice di barometro che indica le variazioni di pressione atmosferica utilizzando la deformazione elastica dei metalli.

Antartide

Situato a sud del Circolo polare antartico, è il continente più meridionale della Terra, contrapposto all’Artide, comprendendo le terre e i mari che circondano il Polo Sud. Con una superficie complessiva di circa 14 milioni di km² è il quarto continente in ordine di grandezza, dopo Asia, Africa e America. Il 98% del suo territorio è completamente coperto da ghiacci con uno spessore medio di 1.600 m. Per convenzione il confine geografico è delimitato dalla cosiddetta convergenza antartica, la latitudine (circa 50° S) dove si inabissano le acque di superficie subtropicali. L’area compresa fra i 50° e il circolo polare antartico viene definita subantartica. È, in media, il luogo più freddo della Terra e con le maggiori riserve di acqua dolce del pianeta. Il territorio presenta la più elevata media altimetrica sul livello del mare di tutti i continenti. L’Antartide è considerata un deserto, con precipitazioni annue di soli 200 mm lungo la costa, e molto meno nelle regioni interne. Assieme ai suoi ghiacci, ha un importante compito nell’equilibrio climatico-ambientale del pianeta, visto che ogni variazione della calotta si ripercuote sull’equilibrio termico planetario, sulla circolazione oceanica e atmosferica nonché sul livello del mare.

Anticiclone

Struttura atmosferica di alta pressione, ove l’aria si abbassa lentamente secondo un movimento rotatorio nel senso delle lancette dell’orologio nell’emisfero nord e in senso contrario nell’emisfero sud. Gli anticicloni hanno un diametro compreso tra i 1000 e i 3000 km e possono interessare l’intera troposfera. In un anticiclone la pressione diminuisce da l centro verso la periferia. Le linee di ugual pressione che lo descrivono sono dette isobare. La direzione del vento, rispetto alle isobare, è deviata verso destra nell’emisfero nord e verso sinistra nell’emisfero sud. L’anticiclone può essere dinamico o termico. Dinamico quando la struttura di alta pressione è conseguente all’azione di spinta gassosa verso l’esterno. È il caso tipico degli anticicloni estivi, come quello delle Azzorre. Può essere termico, quando la struttura di alta pressione è il risultato della presenza di aria fredda che grava sul suolo. È il caso tipico degli anticicloni invernali, come quello russo-siberiano.

Antigrandine

Mezzo, razzo o altro vettore, finalizzato a dissolvere le nubi grandinifere.

Antiorario, senso

Senso di rotazione contrario a quello del moto delle lancette dell’orologio.

Apogeo

Punto di massima distanza dalla Terra del suo satellite (Luna, rivoluzione reale) o del Sole (rivoluzione apparente).

Aquilone

Vento da nord, come la tramontana.

Arcobaleno

Fenomeno meteorologico a forma di arco che presenta i colori dello spettro e che deriva dalla rifrazione e riflessione totale dei raggi solari in determinate nubi. Si manifesta quando una nube si risolve in pioggia nella parte del cielo che, rispetto a un osservatore, si trova opposta al Sole. I sette colori convenzionali dell’arcobaleno sono (dall’esterno all’interno): il violetto, l’indaco, l’azzurro, il verde, il giallo, l’arancione e il rosso. A volte, oltre all’arcobaleno primario, si manifesta un secondo arco, secondario, caratterizzato da un ordine dei colori invertito.

Aria

Miscuglio gassoso che forma l’atmosfera.

Artide

Regione della Terra circostante il Polo Nord e contrapposta all’Antartide. Non ha di fatto un’estensione definita perché non è uno stato unico. Convenzionalmente, da un punto di vista geografico, viene considerata l’area situata a nord del Circolo polare artico, cioè della latitudine 66° 33′ 44″ Nord. A volte vengono considerate confini della regione artica il limite settentrionale della linea degli alberi o l’isoterma di 10 °C di luglio.

Ascendenza

Corrente aerea, di origine termica o dinamica, che possiede una componente verticale diretta dal basso verso l’alto.

Atmosfera

Sinonimo di aria. Massa gassosa che circonda il globo terrestre e la superficie di alcuni pianeti. Circonda la Terra fino a circa 700 km di altezza, ma non ha un confine preciso, sfumando nello spazio sempre più rarefatta. Nella troposfera terrestre (la parte più bassa, spessa 10-12 km) la composizione chimica è praticamente costante: 78% di azoto, 21% di ossigeno e l’1% di altri gas e di vapore acqueo. Si dice standard o tipo quando ci si riferisce a condizioni al livello del mare di 15 °C di temperatura e pressione di 760 mm di mercurio (o 1013 hPa).

Atmosfera normale

Unità di misura della pressione, eguale alla pressione esercitata da una colonna di mercurio a 0 °C alta 760 mm e sotto l’azione dell’accelerazione normale della gravità. Una atmosfera corrisponde a 1,033 kg peso per centimetro quadrato.

Aurora polare

Fenomeno osservabile con maggiore frequenza nelle regioni polari terrestri (aurora boreale o australe) e consistente in una luminosità paragonabile a quella dell’aurora.

Austro

Vento da sud, apportatore di pioggia, tempestoso.

Autunno

Stagione temperata dell’anno che incomincia all’equinozio, dopo l’estate, e termina al solstizio d’inverno. Per l’emisfero boreale l’autunno inizia quando il Sole, nel suo moto apparente intorno alla Terra, giunge al nodo discendente dell’orbita (equinozio d’autunno, il 22 o il 23 settembre). Durante la stagione le giornate si accorciano mentre aumenta la durata delle notti.

Avvezione

Spostamento di una massa d’aria in senso orizzontale.

Azzorre

Arcipelago portoghese dell’Oceano Atlantico. L’anticiclone delle A., cellula anticiclonica di aria calda, assicura con il rafforzamento della cintura subtropicale di alte pressioni il tempo stabile sull’Europa.

Azzurro, del cielo, dell’acqua

Dovuto alla diffusione della radiazione a onda corta (luce azzurra) in tutte le direzioni, permeando tutto l’ambiente di quel colore, mentre le altre radiazioni proseguono in linea retta o vengono assorbite dalle molecole.

Consigli di lettura

consigli di lettura
Libri sulla METEOROLOGIA e la CLIMATOLOGIA

Canale Youtube

Canale youtube
I miei video sul canale Youtube