B come…

Banderuola

Lastrina metallica girevole su un perno che serve a indicare la direzione del vento. Negli aeroporti si utilizza la manica a vento.

Bar

Unita di pressione del sistema CGS (centimetro-grammo-secondo). Equivale a 1 megabaria ossia 10⁶ barie, pari a 10⁶ dine/cm². Equivale anche a circa 1 atmosfera. Il sottomultiplo più noto è il millibar (un millesimo di bar), da anni in disuso e sostituito dall’ettopascal (hPa).

Barico

Si dice del campo (cioè dello spazio) relativo ai valori e alla distribuzione della pressione. Le superfici e le linee isobariche (o isobare) sono quelle per le quali i valori della pressione sono uguali.

Barografo

Barometro registratore.

Barometro

Strumento che serve a misurare la pressione atmosferica. Il barometro a mercurio fu inventato da Evangelista Torricelli (XVII sec.). Più in uso, il barometro metallico a scatola, o aneroide.

Bava di vento

Bassa velocità del vento, tra 1 e 5 km/h, corrispondente a 1 grado della scala Beaufort. Inclina il fumo uscente dalle ciminiere.

Beaufort, scala

Scala della velocità del vento, graduata da 0 a 12 (dalla calma all’uragano), proposta nel 1806 dall’ammiraglio inglese Francis Beaufort, capo del servizio idrografico della marina britannica.

Bioclimatologia, biometeorologia

Studi dell’influenza dei fattori climatici o meteorologici sulla vita e lo sviluppo degli esseri viventi.

Biosfera

Parte della superficie e dell’atmosfera terrestre dove si manifesta la vita.

Bjerknes Wilhelm

Geofisico norvegese, autore di ricerche teoriche di meteorologia, ideatore del metodo del fronte polare per la previsione del tempo.

Blizzard

Vento del nord di origine glaciale, molto violento e accompagnato da tempeste i neve, che soffia sul Canada e sul nord degli USA in inverno e in primavera.

Blocco atmosferico

Stato della circolazione generale dell’atmosfera caratterizzato dall’interruzione delle correnti occidentali su una vasta zona della troposfera. Si manifesta al suolo come un’anticiclone che sbarra la via ai venti di ponente.

Bollettino meteorologico

Rapporto diffuso dai centri meteorologici delle condizioni atmosferiche riferite a ore e a zone o località determinate.

Bora

Vento freddo e violento di E-NE che soffia in particolare sul Golfo di Trieste. L’aria gelida scende da un crinale di quasi mille metri d’altezza (“Porta della Bora”), si incanala negli avvallamenti e rinforza con raffiche che superano spesso i 100 km/h e che raggiungono l’Adriatico e le sue coste.

Boreale, emisfero

L’emisfero settentrionale, delimitato dall’equatore e avente latitudini positive.

Breva

Vento di levante. Scirocco spirante sui laghi lombardi, in particolare come brezza pomeridiana sui laghi di Como, Maggiore e di Lugano, quando il sole riscalda le Prealpi e la pianura a sud.

Brezza

Vento periodico, leggero o moderato e fresco, che spira al mattino e alla sera. Raggiunge velocità tra i 6 e i 19 km/h (2-3 nella scala Beaufort). Esistono brezze di terra, di mare, di valle e di monte. Quella di mare è prodotta dalla differenza pomeridiana di temperatura tra la terraferma e le acque; può arrivare fino a 50 km nell’interno (in Svezia) e persino fino a 150 km (regioni tropicali). Di notte soffia la brezza di terra, dal continente, raffreddato, al mare che mantiene la stessa temperatura diurna. In montagna, di giorno sono più caldi i rilievi e di notte le valli, producendosi. Rispettivamente, le brezze di valle e quelle di monte.

Brina

Rugiada gelata per effetto delle basse temperature. Si forma per passaggio diretto dallo stato di vapore a quello solido. Caratteristica del tempo limpido e secco, copre i corpi scuri (soggetti a raffreddamento per irraggiamento) e i cattivi conduttori di calore (erba, legno, superfici catramate, ecc.).

Bruma

Nebbia leggera, simile alla foschia ma limitata agli strati più bassi.

Bufera

Tempesta di vento con forte pioggia, neve o grandine.

Buys Ballot, legge di

Legge empirica del meteorologo olandese (XIX sec.) basata su due nozioni fondamentali: 1) nell’emisfero nord le alte pressioni si trovano alla destra e le basse pressioni alla sinistra della traiettoria percorsa dal vento, mentre nell’emisfero sud avviene il contrario; 2) più le isobare sono ravvicinate, più il vento è forte.

Consigli di lettura

consigli di lettura
Libri sulla METEOROLOGIA e la CLIMATOLOGIA

Canale Youtube

Canale youtube
I miei video sul canale Youtube