Vite e olivo 2017

Il clima è cambiato e una delle conseguenze è lo spostamento verso nord e su altitudini più elevate di molte specie arboree e coltivazioni. Per la vite l’altitudine rappresenta un limite, perché aumentando il livello del suolo diminuisce la temperatura e la maturazione dell’uva subisce un ritardo. Questi limiti possono essere così schematizzati: Alpi 600-900 …

Continua




Vulcani prevedibili?

Qualche speranza di prevedere le eruzioni vulcaniche? Come è noto, la possibilità di prevedere le eruzioni vulcaniche (come anche i terremoti) è tuttora in alto mare. Qualche decina di episodi è stata prevista, ma non esiste ancora un metodo scientifico standard. L’attività vulcanica si svolge sottoterra e quei comportamenti non possono essere monitorati con precisione. …

Continua




Il vento e il mare

Il vento e il mare sono due amici inseparabili. Si conoscono da sempre e, come spesso accade nelle più salde amicizie, litigano volentieri, perché hanno caratteri profondamente diversi. Il vento ė più sveglio, allegro e incostante: a volte gentile, a volte nevrotico, si infiamma all’improvviso per poi acquietarsi con la stessa mutevolezza e rapidità; piuttosto …

Continua




Sole alto

Mercoledì scorso è partita l’estate astronomica. Nel nostro emisfero, a mezzogiorno, il sole era a picco sul Tropico del Cancro, ovvero sulla diga di Assuan, sulla tomba di Maometto (a Medina), su Canton, su Formosa, sugli altopiani del Messico, sull’Avana e sul deserto del Sahara. A tutte le latitudini comprese tra il Tropico del Cancro …

Continua




Nubi

Nelle mappe di previsione e in tutte le schematizzazioni grafiche le nubi sono rappresentate come piccole e bianche colline tondeggianti. Non tutte le vaporose abitanti dei cieli sono fatte in questo modo, riferito ai cumuli. Cumulo viene dal latino e significa mucchio, ammasso (fuori dalla meteorologia si dice “un cumulo di sciocchezze” o “un cumulo …

Continua




Quando fa caldo

L’organismo irradia il calore delle sue reazioni chimiche e riscalda lo strato d’aria che lo circonda. Oltre i 34 gradi ambientali accade il contrario e l’aria riscalda noi. La traspirazione, grazie al raffreddamento epidermico per l’evaporazione del sudore, diventa il meccanismo di difesa più importante. Ma con elevati tassi di umidità l’aria non accetta più …

Continua




Il vento e le piante

Le piante e i terreni soffrono molto in situazioni di vento secco. Il contenuto idrico del suolo, con vento torrido (asciutto), diminuisce rapidamente. Le stesse condizioni meteorologiche provocano un eccesso di traspirazione e, di conseguenza, l’appassimento di molte specie vegetali. Quando il vento è impetuoso, i guasti che produce sono di natura meccanica: rottura di …

Continua




Il vento in casa

Il vento che soffia orizzontale su un edificio esercita una pressione sulla parete esposta. A una velocità dell’aria di 40 km/h corrisponde sul muro una pressione di 60 kg per metro quadrato. Sul lato opposto della casa (parete sottovento) si crea invece una pressione negativa (depressione) tale da spingere (poco, intendiamoci) il muro verso l’esterno. …

Continua




Che c’è lassù?

Per la realizzazione delle previsioni del tempo è necessaria la conoscenza di milioni di dati di temperatura, pressione, umidità, vento e altri parametri, sia in superficie che a diverse quote atmosferiche. Sulla superficie terrestre e marina le misure sono in prevalenza affidate alla strumentazione tradizionale ubicata in capannine, a bordo di navi specializzate o montata …

Continua




Sette equazioni per l’atmosfera

La parte più bassa dell’atmosfera, dove nascono, vivono e muoiono gli esseri viventi e le nubi, si chiama troposfera (parola derivante dal greco, che significa ambiente dove avvengono trasformazioni, mutamenti). La troposfera, che non va oltre i 18 km di altezza, è una miscela, inquinanti e polveri a parte, di gas e vapore acqueo, un …

Continua




Consigli di lettura

consigli di lettura
Libri sulla METEOROLOGIA e la CLIMATOLOGIA

Canale Youtube

Canale youtube
I miei video sul canale Youtube